Cerca nel blog

mercoledì 23 novembre 2016

UNA RIVISITAZIONE DELLA CRONOLOGIA DELLA TERRA


Mentre mi trovavo a Baku e rileggevo alcuni passi del Earth Chronicles Handbook mi venne in mente che molti eventi raccontanti nei libri di Sitchin erano stati lasciati fuori dalla cronologia che lui offre in un paio dei suoi volumi; inoltre, per alcune datazioni, offriva certi avvenimenti ma ne tralasciava altri.... non solo, non arrivava all' Esodo, e non copriva molte diramazioni della storia degli Anunnaki, alcune molto importanti, come quella che riguarda il Nuovo Mondo, altre meno, come quella dell' Indo. Iniziai quindi a stralciare una sorta di 'cronologia allargata' basandomi sulla sua, ed inserendo sia alcune modifiche temporali dedotte dai miei studi sia alcuni dei principali eventi che lui non aveva marcato temporalmente.

Il risultato - lungi dall' essere completamente esaustivo -  lo trovate qui di seguito:

CRONOLOGIA ESTESA DELLA TERRA

Circa 450.000 a.C.: 
Alalu viene deposto da Anu e abbandona Nibiru, dirigendosi verso l' interno del Sistema Solare ed approdando sulla Terra, nell' attuale Golfo Persico.

Circa 445.000 a.C.: 
Guidati da Ea (Enki), figlio di Anu, i primi Anunnaki arrivano sulla Terra, fondano il primo stanziamento per estrarre l' oro dalle acque del Golfo Persico.

Circa 430.000 a.C.:
Altri Anunnaki arrivano a gruppi di 50, tra cui Sud (Ninmah), sorellastra di Enki ed Enlil, capo ufficiale medico.

Circa 415.000 a.C.:
L' estrazione dal mare produce meno oro di quanto ci si aspettasse. Anu arriva sulla Terra con l' altro figlio Enlil. Viene deciso di estrarre l' oro attraverso scavi minerari in Africa meridionale dove Enki ne aveva trovato in abbondanza. Vengono spartite le aree di influenza: Nibiru resta ad Anu, ad Enlil viene affidato il comando della Missione Terra ed Ea è signore della Terra.  Mentre riparte, Anu deve fronteggiare la minaccia di Alalu al quale era stato promesso di regnare sulla Terra da Eridu, il primo stanziamento. Alalu viene condannato a morire su Marte e sepolto in una tomba in una montagna: il famoso "volto di Cydonia", scolpito con i tratti del suo viso, che guarda in direzione di Nibiru per l' eternità.

Circa 400.000 a.C.:
Tra i sette insediamenti funzionali della Mesopotamia figurano il porto spaziale (Sippar), il centro di controllo della missione (Nippur), un centro metallurgico (Badtibira), un centro medico (Shuruppak). L' oro e altri metalli arrivano per mare dall' Abzu (centro Africa) fino all' odierno Iraq, dove vengono lavorati principalmente a Bad Tibira. Da li, gli Igigi (un gruppo di Anunnaki) li trasportano su Marte da dove viene poi portato su Nibiru ogni volta che questo si avvicina.

Circa 380.000 a.C.: 
Appoggiato dagli Igigi, stanchi e provati dalla vita in assenza di gravità, Anzu cerca di ottenere il dominio della Terra. Parallelo con la rivolta di Kumarbi. Anzu ruba il Duranki dalla casa di Enlil, viene sconfitto da Ninurta.

Circa 300.000 a.C.:
Gli Anunnaki che lavorano nelle miniere dell' Abzu si ammutinano, ormai esausti del duro lavoro.  Enki e Ninmah, coadiuvati da Ningishzidda (figlio di Enki) e da Sud, capo infermiera delle 'dee della nascita', creano dei Lavoratori Primitivi attraverso la manipolazione genetica del DNA di ominidi presenti sulla Terra (homo erectus), inserendovi parte del DNA Anunnaki: le nuove creature (homo sapiens) sostituiscono gli Anunnaki nel duro lavoro. 

Circa 250.000 a.C.:
Ninurta (o Enlil) irrompe nell' Abzu e porta i lavoratori anche nell' Edin in Mesopotamia.  Con successive manipolazioni genetiche e clonazioni, ai lavoratori viene data la capacità di procreare e cominciano a moltiplicarsi.

Circa 100.000 a.C.:
Gli Anunnaki si accoppiano sempre più spesso con le femmine homo sapiens, con crescente disappunto di Enlil, generando semidei (ibridi). Marduk (Semjaza) prende in moglie la figlia di un semidio, Sarpanit, e genera un figlio: Nabu.

Circa 80.000 a.C.:
Il clima si fa più rigido, inizia una nuova era glaciale che porta gli uomini 'non evoluti' dagli Anunnaki sull' orlo dell' estinzione.

Circa 75.000 a.C.:
Dopo il 'collo di bottiglia' genetico dovuto alla glaciazione, le successive generazioni di uomini si moltiplicano raggiungendo la piena maturità. Complice il nuovo assetto geografico causato dalla glaciazione, gruppi più o meno numerosi di umani si muovono in tutto il globo.

Circa 50.000 a.C.: 
Enki e Ninmah elevano alcuni umani imparentati con gli Anunnaki al ruolo di comandanti di Shuruppak. Enlil, furioso, inizia a tramare la fine del genere umano.

Circa 13.000 a.C.: 
Accortosi che il consueto passaggio di Nibiru in prossimità della Terra avrebbe causato un aumento delle temperature e lo scioglimento dei ghiacci del Polo Sud, Enlil costringe gli Anunnaki a giurare di non rivelare agli Uomini queste informazioni, in modo da sterminare l' umanità.

Circa 11.500 a.C.:
Enki rompe il giuramento e istruisce Ziusudra (Noè) su come costruire un' imbarcazione sommergibile e salvare i campioni genetici di molte specie terrestri.  Il passaggio di Nibiru in fase di perielio causa il cosiddetto Diluvio, che cancella o quasi la vita sulla Terra; gli Anunnaki assistono impotenti alla distruzione a bordo delle loro navette in orbita.

Circa 11.000 a.C.:
I discendenti di Noè vengono eletti a capostipiti di 3 principali fazioni umane, verranno utilizzati (con le loro mogli) per ripopolare la Terra. Noè viene portato nella 'Terra degli Dei'.

Circa 10.500 a.C.:
Enlil rende abitabile la Mesopotamia; Enki si stabilisce nella Valle del Nilo; gli Anunnaki costruiscono il complesso piramidale di Giza, un nuovo porto spaziale nel Sinai e il nuovo centro di controllo sul monte Moriah (la futura Gerusalemme), perché i precedenti siti spaziali sono stati spazzati via dal Diluvio. Diversi dei minori trovano il loro posto nell' odierno Iran e in Anatolia. Ishkur é a capo del territorio anatolico.

Circa 9.800 a.C.: 
Ra (Marduk), primogenito di Ptah (Enki), divide il dominio dell' Egitto tra Osiride e Seth, suoi figli (o Nipoti). Nabu rimane in disparte in una zona ai piedi dell' Eufrate che successivamente diventerà Borsippa.

Circa 9.000 – 8.800 a.C.: 
Seth uccide Osiride e diventa unico sovrano dell' Egitto. Horus, figlio di Osiride, sconfigge Seth e lo costringe ad abbandonare l' Egitto per rintanarsi nel Sinai. Nel frattempo, in Anatolia sorgono le prime culture guidate da Ishkur.

Circa 8.500 a.C.: 
Marduk vuole accentrare il potere a Giza pretendendo di subentrare al controllo delle operazioni, ma Enlil e i suoi figli si oppongono. Ninurta conduce guerra contro Marduk il quale viene sconfitto, processato ed esiliato. Viene riaffermata la divisione della Terra in quattro regioni: la Valle del Tigri e dell' Eufrate; la Valle del Nilo; la Valle dell' Indo; la Penisola del Sinai, vietata agli uomini. L' Egitto passa nelle mani di Thot / Ningishzidda.

Circa 8.000 a.C.:
gruppi di umani abbandonano il medio oriente e si spingono in Europa in varie ondate, creando stanziamenti e portando allevamento e agricoltura.

Circa 7.400 a.C.: 
Ad un nuovo passaggio di Nibiru, gli Anunnaki consentono all' umanità di compiere altri passi avanti; comincia il periodo neolitico. L' Arabia conosce il suo maggior sviluppo, iniziano a diffondersi culture avanzate nel Libano, in Anatolia, e in Siria. I semidei governano l' Egitto.

Circa 6.000 a.C.:
Dall' Anatolia intere popolazioni si spostano verso l' Europa dando origine alle prime culture organizzate basate sulla scrittura, nasce la cultura Vinca / Cucuteni.

Circa 4.000 - 3.800 a.C.: 
A Sumer ha inizio la prima civiltà urbana. Anu arriva in pompa magna in visita sulla Terra. Per festeggiare, a Sumer viene fondata una nuova città: Uruk.

Circa 3.760 a.C.:
La civiltà inizia a sbocciare a Sumer, viene istituito ufficialmente il sacerdozio e viene stabilito il primo calendario umano.

 
Circa 3.450 a.C.: 
Marduk costruisce la sua città roccaforte, Bailonia, e la dichiara "Porta degli Dei". Enlil con l' aiuto di Ninurta ed Ishkur distrugge la torre di Babilonia, e costringe i seguaci umani di Marduk a rintanarsi in tere lontane. Inizia la diffusione di nuove lingue. Marduk torna in Egitto. Avendo scoperto che suo fratello Dumuzi e Inana, nipote di Enlil, avrebbero dovuto sposarsi, lo fa rapire. Dumuzi muore, ed Inanna muove guerra contro Marduk. Marduk viene condanato nuovamente all' esilio.

Circa 3.300 a.c.:
Sumer fiorisce ancora, si sviluppano le prime forme di scrittura derivanti da quella Vinca. Sta per iniziare il periodo 'letterato'.

Circa 3.150 a.C.: 
Avendo notato che Thot aveva stravolto l' Egitto, senza osservare le sue disposizioni, dopo quasi 350 anni di caos, Marduk rientra in Egitto e insedia il primo faraone: Menes. Thot viene espulso dall' Egitto e, raccolti i suoi seguaci africani e mediorientali, si dirige via mare verso l' America Latina approdando in Mexico. Sumer continua a fiorire, diventa centro culturale e religioso, mentre tutt' intorno sorgono nuove popolazioni.

Circa 3.115 a.C.:
Ningishzidda e i suoi seguaci si scontrano con le popolazioni locali del Mexico, Ningishzidda diventa Quetzalcoatl, nasce il calendario mexicano.

Circa 2.900 a.C.
Inanna, che tramite il matrimonio con Dumuzi voleva conquistare un posto a Sumer o in Africa, decide di ritirarsi in una nuova regione, l' attuale Indukush, e fonda la sua città principale: Harappa. Sorge la civiltà dell' Indo. Marduk nel frattempo ha abbandonato l' Egitto ai suoi seguaci umani, e vaga per la Terra. Ningishzidda finisce nel Nord Europa e fonda la prima versione di Stonehenge.

Circa 2.600 – 2.350 a.C.:
E' il periodo dell' unificazione di Sumer, e del regno dei grandi re e regine: si succedono Nin Puabi, Lugal Anne Mundu, Ur Nanshe e Lugal Zaggisi, i più importanti sovrani di Sumer. Dopo di loro, nasce il regno di Akkad ad opera di Sargon, seguace di Inanna. Nel Nuovo Mondo, in Perù arriva Ishkur con un seguito di umani anatolici, nasce la figura di Viracocha.

Circa 2.316-2.255 a.C.:
Tentativo di Inanna di controllare, tramite Sargon e i suoi successori Manishtushu e Naram Sin, tutte e quattro le regioni. Il tentativo viene sventato da Enlil e Ninurta i quali fanno distruggere Akkad dagli eserciti dei fedeli di Ninurta: i Guti e gli Elamiti. Intanto Marduk é convinto che sia giunta la sua ora di regnare, fa costruire a Ningishzidda diversi osservatori, tra cui la fase terminale di Stonehenge e Sarmizegetusa, per verificare gli allineamenti celesti.

Circa 2.150 a.C.:
Ninurta ottiene il permesso da Enlil di dichiararsi dio supremo di Sumer e Akkad, e dà a re Gudea il compito di costruire per lui il Girsu a Lagash. Al progetto partecipa anche Ningishzidda, il quale utilizzerà le sue conoscenze astronomiche per replicare l' opera di Stonehenge e di Sarmizegetusa.

Circa 2.090 – 2.050 a.C.: 
L' impero si Sumer si disgrega tra le lotte intestine dei vari re seguaci delle due fazioni di dei: Marduk e suo figlio Nabu raccolgono proseliti in tutta la Mesopotamia, in Egitto, a Canaan, e in Nubia, pronti per sferrare l' offensiva. Marduk viene convinto con l' inganno da suo fratello Nergal a non attaccare, e a lasciare a lui i negoziati. Nergal invece tenta di detronizzare Marduk.

Circa 2.048 a.C.:
Marduk é ad Harran a cercare nuovi alleati, nel frattempo Enlil comanda al suo seguace Abramo di muoversi verso il Medio Oriente e di raccogliere seguaci.

2.024 a.C.: 
Marduk rientra a Babilonia e marcia su Sumer raccogliendo tutti i suoi seguaci mesopotamici, africani, canaaniti, e anatolici. I combattimenti si espandono e Nippur viene attaccata: Nabu arriva quasi a impadronirsi del porto spaziale del Sinai.  I Grandi Anunnaki autorizzano l' impiego delle armi nucleari da parte di Ninurta per neutralizzare Marduk e Nabu; l' attaco verrà però guidato da un vendicativo Nergal che aveva visto le sue mire di potere sconfitte da Marduk. Nergal distrugge le città infedeli cananee: Sodoma, Gomorra, Zoar, Adma e Zeboim, che hanno "offeso il signore" (Enlil) venerando Marduk e Nabu. Contemporaneamente Ninurta distrugge il porto spaziale del Sinai.

2.023 a.C.: 
Le nubi radioattive arrivano inaspettatamente su Sumer, causandone il declino e la fine. Le maggiori città vengono annientate dalla nube radioattiva e dalle razzie che si sviluppano nei territori. Miracolosamente, Babilonia viene risparmiata: per gli 'dei' é un segno che Marduk aveva davvero il diritto di regnare.

Circa 1.850 a.C.:
Quando le terre iniziano ad essere di nuovo abitabili, Marduk fonda nuovamente Babilonia e fonda il suo impero, a capo del quale metterà Sumu Adama e Sumu-la-El.

Circa 1.480 a.C.:
Nel nuovo mondo Viracocha e Quetzalcoatl si danno guerra per la conquista dei territori, entrambi gli dei abbandonano le loro terre.

Circa 1.435 a.C.:
Viracocha / Ishkur ritorna in Medio Oriente e si ricorda del popolo che suo padre aveva mandato in Egitto. Ordina dunque al loro capo, Mosè, di abbandonare l' Egitto e di dirigersi verso le terre di Canaan. Prende l' identità di Yahweh. Nel frattempo Ningishzidda fa nascere il popolo Traco sui Balcani..

1433 a.C.:
Esodo dall' Egitto.


Nessun commento:

Posta un commento